E se prima le donne angelo venivano declamate dai poeti
Adesso ci resta solo ricordarle per motivi crudeli
Se come Dafne potessero trasformare le loro sciagure in fiori
Vedresti meno sangue e più dignità al loro amore
Fiori vorrebbero in regalo
Ma non annaffiano più neppure la loro anima
Hanno le palpebre sciupate.
Il viso pieno di crepe
Traspare rughe e cicatrici che nemmeno alla luce si possono vedere
Il trucco messo lí come decorazione
Ha ceduto il posto ad una maschera colorata di dolore
Da piccole immaginavano il cavaliere di tutto azzurro pinto
Ora conoscono solo il violaceo delle loro guance dopo che gli uomini hanno agito di “istinto”
Non tremano più per un bacio che ha sapore di assenza
Hanno brividi di ribrezzo per una storia d’amore vissuta in tristezza
Dopo essersi dannate per comprendere cosa avessero sbagliato
Ecco che la gelosia divampa per “un peccato non confessato”
Che sia un messaggio ricevuto,lo sguardo di un altro uomo
Restan “assassine”che scontano le sue frustrazioni
Non fa differenza un brutto momento o un periodaccio
La sua donna è disposta a tutto ma mai a rimproverarlo
Piccola donna,fai il tuo grande passo
In questo spaventoso buio
TU sei l’unica arma più potente per riconquistare l’amore più vero,il tuo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *