E,
In quel momento tutto si oscurò,
la pioggia cadeva lentamente,
come le lacrime sul viso di un bambino,
i tuoni assordavano,
come il lamento disperato di un cucciolo,
e tu,
Tu sorda tutto questo,
voltasti le spalle,
apristi la porta,
ci salutasti
e
sei andata via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *