Nola. Martedì 26 luglio 2022 dalle ore 10:00 presso la sala consiliare del Municipio in Piazza
Duomo si è celebrato il primo consiglio comunale, dopo le elezioni amministrative dello
scorso 12 giugno che hanno proclamato sindaco di Nola Carlo Buonauro. Dopo la votazione all’unanimità riguardo alla convalida degli eletti e il giuramento da parte del Sindaco Buonauro, si è proceduto con l’elezione del Presidente e del Vicepresidente del Consiglio comunale (ART.39 C11 D.LGS.267/2000 e ART.11 dello Statuto). Dal conteggio dei voti legittimante espressi, è stato eletto Presidente del Consiglio comunale Francesco Pizzella (ND) e come vicepresidente Antonio Napolitano (NN).

Al termine della votazione il Presidente Pizzella ha ringraziato il Consiglio comunale, il Sindaco e i gruppi consiliari, aggiungendo: “Nola ha bisogno di una classe politica all’altezza della situazione. Da quest’aula
dipenderà il futuro della città”.
Così come previsto dall’Art.46 C.2 D.LGS. 267/2000 si è passati alla nomina dei Presidenti, dei vice-presidenti e dei componenti delle commissioni consiliari consultive permanenti
(consultare allegato 1). Il consiglio comunale ha proceduto alla votazione dei membri effettivi della Commissione elettorale comunale ai sensi dell’ART.12 E SS. DPR 223/1967. In seguito all’avvenuta
votazione, sono stati eletti membri effettivi della Commissione elettorale comunale
Napolitano Santa (Nola Protagonista) con 8 voti, Buonaguro Alberto (ND) con 8 voti e
Limmatola Olimpia (Movimento 5 Stelle) 7 voti. Come supplenti sono stati votati Arvonio
Giuseppina (Fare Democratico) 9 voti, Napolitano Carolina (Per Nola Nostra) e Erasmo
Scotti (Nola al Centro).


Le forze politiche hanno inoltre indicato i loro capigruppo in Consiglio: per il Movimento 5
Stelle Massimo Russo, per Nola Democratica Alberto Buonaguro, Per Nola Nostra
Antonio Napolitano, per Più Nola in Azione Vincenzo Iovino, per Nola Protagonista
Giancarlo Moccia, per Fare Democratico per Nola Salvatore Notaro.
Respinta la richiesta
del candidato sindaco Maurizio Barbato di costituire un proprio gruppo consiliare.
A margine, il consigliere Raffaele Parisi comunica il suo passaggio al gruppo misto.
Alle ore 15:35, non essendo stata convalidata la surroga dei consiglieri e riscontrata la
mancanza del numero legale dei componenti del consiglio comunale, il Presidente ha
proclamato lo scioglimento della seduta.

Non è stato pertanto possibile procedere alla lettura delle linee programmatiche e comunicare
la composizione della Giunta Consiliare, già operativa, formata da:
Giovanni Erasmo Carrella (ND) delega ai Lavori Pubblici, Demanio e Patrimonio.
Giuseppe Tudisco (M5S) Vice-sindaco con delega ad Ambiente, Verde, Igiene e Sanità,
Randagismo, Canile Municipale, Transazione Ecologica, Personale, Governo del Territorio e
Urbanistica.
Vincenzo Martone (NN) delega a Cultura, Turismo, Marketing Territoriale, Grandi Eventi,
Associazionismo.
Lucianna Napolitano Bruscino (ND) delega al Bilancio, Attività Produttive, Annona e
Commercio SUAP, Agricoltura Mercati Digitali, Sportello Europa, Digitalizzazione. Gemma
De Falco (Movimento5Stelle) delega alla Pubblica Istruzione, Manutenzione Ordinaria,
Edifici Scolastici, Pari Opportunità.
Anna Bellobuono (NN) Assessore con delega alle Politiche Sociali, Affari Generali ed
Istituzionali, Avvocatura, Sport ed Impianti Sportivi.
Raffaele Giugliano Assessore con delega al Decentramento Amministrativo, Cimiteri e
servizi cimiteriali, trasporti ed arredo urbano e Protezione Civile.

Queste invece le deleghe conferite ai consiglieri comunali:
Francesco Pizzella (ND) presidente del Consiglio comunale
Antonio Napolitano (NN) vice- presidente del Consiglio comunale
Massimo Russo (Movimento 5 Stelle) delega Piazzolla
Erasmo Scotti (NC) delega Polvica)
Francesco Cantalupo (ND) delega all’Ambito Sociale n.23
Carmen Mauro (Movimento 5 Stelle) delega ASI
Francesco Conventi (NBC) delega IACP

Il sindaco Buonauro ha tenuto per sé le deleghe ai Fondi PNRR, Idee progettuali e
Finanziamento di interventi, PUC, Viabilità, Polizia Municipale. Al termine della seduta, il Sindaco Buonauro ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Nelle procedure esistono alternative differenti che presentano rischi per chi vuole assumersi responsabilità, o la tranquillità delle procedure ordinarie. Il Consiglio ha deciso di percorrere la strada ordinaria, tutto procede secondo i crismi di legge.”.
Sulla composizione della Giunta, il primo cittadino ha aggiunto: “I nomi risultano dal decreto
di individuazione, di esibita notifica e conseguente accettazione, dunque l’organo è pienamente
in possesso dei suoi poteri e subito risponderà alle esigenze della città, che non possono più
tollerare dilazioni. È una Giunta dall’alto profilo tecnico e dalla spiccata moralità, ma è anche
espressione delle forze politiche che hanno espresso questa maggioranza e che compatti
vogliono cambiare il volto di questo territorio e dare risposta alle esigenze dei cittadini. In
primis sicurezza, ambiente, occupazione e crescita economica”
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.