L’aspetto,il colore, la struttura e la forma delle nostre unghie possono davvero essere la spia del nostro stato di salute.

Unghie gialle

Il colore giallognolo o verde, spesso è dovuto a cause esterne, alla nicotina oppure ad una manicure fatta non proprio a regola d’arte. In genere, smalti di pessima qualità o l’abitudine di non proteggere le unghie con una base incolore, specie quando si applicano smalti dai colori intensi può dar luogo a questo inconveniente.

Unghie blu

Quando le unghie assumono la colorazione blu – violacea, ci segnalano qualcosa che non va a livello cardiocircolatorio: il ritorno venoso è insufficiente e vi è scarsa ossigenazione dei tessuti.

Unghie con macchioline scure

Se notiamo delle macchioline scure al di sotto della lamina possiamo subito pensare ad una piccola emorragia dovuta a trauma. Se però non scompare nel giro di poco tempo, è bene rivolgersi al dermatologo poiché potrebbe trattarsi di un neo benigno ma anche un melanoma.

Unghie con macchie bianche e brune

In questo caso, quando sulla superficie dell’unghia notiamo contemporaneamente macchie bianche e brune, dobbiamo pensare alla presenza di un fungo (onicomicosi) e iniziare un trattamento con preparati antimicotici per evitare che si ammalino anche le altre unghie.

Unghie bianche e rosa

Quando le unghie sono bianche su tutta la superficie, ma al termine presentano una striscia rosa, dobbiamo pensare a qualcosa che non va nel nostro fegato. Si parla in questo caso di unghie bianche di Terry, dal nome del ricercatore che associò il colore delle unghie alla cirrosi epatica.

 

Unghie che presentano righe verticali

Le striature parallele che interessano la superficie di tutte le unghie, in genere sono la spia di eczemi cronici ma possono anche essere dovute semplicemente ad un processo naturale di invecchiamento.

Unghie a cucchiaio

Se la superficie dell’unghia presenta, al centro un avvallamento, proprio a cucchiaio, a meno che non abbiano subito un trauma, sono la spia di una carenza di ferro ma è possibile che ci sia qualcosa anche a livello di tiroide.

Unghie a “vetro di orologio”

Detto fenomeno, meno conosciuto anche come “ippocratismo digitale”, interessa tutte le unghie che assumono una forma convessa, tipica del vetrino dell’orologio. Si manifesta soprattutto nei soggetti che fanno abuso di alcol e nei grandi fumatori, ma più in generale ci segnala che qualcosa non va a livello dell’apparato respiratorio, del fegato o dell’intestino (tubercolosi, enfisema, colite ulcerativa o cirrosi).

 

Unghie ondulate

Se la superficie appare irregolare, non levigata e con una serie di creste allora dobbiamo pensare ad una manicure troppo aggressiva che ha danneggiato l’unghia.

Unghie spesse

Sono tipiche delle persone anziane e sono legate proprio ad un invecchiamento del compartimento vascolare delle unghie. Si manifestano proprio con una deformazione dell’unghia che si ispessisce sino ad assumere l’aspetto di un artiglio (onigrifosi).

Unghie che fanno male

Spesso capita di avvertire dolore premendo la superficie dell’unghia: anche se non notiamo alcun cambiamento nel colore e nella forma di quest’ultima, dobbiamo pensare alla presenza di un glomo, cioè una formazione vascolare che solo il dermatologo può curare mediante asportazione.

Unghie che si distaccano

Se notate una sorta di esfoliazione delle lamine ungueali, dovete ricercare la causa in una intossicazione da farmaci oppure nella cosiddetta Sindrome di Reynaud, una patologia che blocca l’afflusso di sangue alle dita delle mani.

Unghie fragili

Se le unghie si spezzano facilmente, risultano molli, indebolite, dobbiamo pensare ad una forte carenza di vitamine e sali minerali, in particolare selenio, ferro, zinco e rame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *