Perché quando succede un evento spiacevole ci sentiamo osservati? Vi siete mai fatti questa domanda?
Immagino proprio di no… o almeno non proprio questa.
Provo ad indovinare?
“Chissà perché le persone mi guardano e ridono”… ecco, forse adesso ho trovato la frase giusta.
Chiunque (o almeno la maggior parte di noi) pensa a questo “problema esistenziale”, almeno una volta al giorno.
Eppure non è un problema!
Si, ci possiamo sentire osservati, ma l’importante è credere in se stessi.
Fidatevi, se affrontiamo la vita con serenità senza mai abbassare la testa diventiamo personaggi secondari e nessuno “ci guarda” più. Perdiamo improvvisamente il ruolo di protagonisti… e sapete perché? Perché crediamo in noi, senza paure e senza incertezze.
La vita ci obbliga a fare delle scelte.
In questo caso è un po’ come scegliere un “potere”.
Ok, domani mattina mi sveglio e decido di vivere la mia vita con sicurezza, a testa alta, senza farmi intimidire da sguardi e risatine… ma “da questo grande potere derivano grandi responsabilità” (citando la famosa frase del film “Spider-Man”). Lo possiamo fare tutti… si tratta solo di una paura. E ognuno di noi può affrontarla a testa alta.
Non ci dobbiamo arrendere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *