Le Principesse Disney (Disney Princess), anche chiamato la Linea delle Principesse(Princess Line)[1], è un media franchise di proprietà della Walt Disney Company, ideato negli anni 90 e successivamente ufficializzato agli inizi degli anni 2000 da Andy Mooney, presidente della Disney Consumer Products. Il franchise è basato su alcuni personaggi femminili apparsi in vari classici Disney.
Nei suoi primi anni il franchise era composto da Biancaneve, Cenerentola, Aurora, Ariel,Belle, Jasmine, Pocahontas, Mulan.Successivamente sono state aggiunteTiana, Rapunzel e Merida.
La Walt Disney Company ha distribuito bambole, video karaoke, abbigliamento, oggetti per la casa, ed una varietà di altri prodotti con il marchio “Principesse Disney”.
Le licenze per il franchise includono Glidden(pittura murale), Stride Rite (scarpe luccicanti),Hasbro (giochi e bambole), e le figurine plastiche Fisher-Price.
Negli anni novanta la Walt Disney Company cominciò a produrre i primi prodotti del franchise Principesse Disney. Nonostante una pubblicità limitata e nessun focus group, gli oggetti del franchise divennero un grandissimo successo. Nel febbraio 1996, laBuena Vista Home Entertainment pubblicò una linea di VHS dal titolo Disney Princess Collection, dedicata alle principesse Ariel, Jasmine e Belle. Nello stesso anno, la casa produttrice di giocattoli Mattel, iniziò a produrre diversi modelli di bambole raffiguranti le protagoniste del franchise.Il 24 giugno 1998, il primo numero della rivistaDisney’s Princess venne pubblicato nel Regno Unito.
Gli incassi del franchise salirono dai 300 milioni di dollari del 2001 ai 4 miliardi del2009.
Le principesse destinate ad essere incluse nella linea furono scelte dai Classici Disney. I personaggi non furono stabiliti specificatamente per i loro titoli regali, ma piuttosto per come si adattavano a quella che gli esecutivi Disney chiamavano la “mitologia delle principesse”. Inoltre si può notare che in praticamente tutte le storie delle principesse, il filo conduttore è “seguire i propri sogni”.
Originariamente si era pensato che i personaggi di Trilli,la fatina amica di Peter Pan, e Giselle, la protagonista di Come d’incanto, avrebbero duvuto far parte del franchise; in particolare quest’ultima è stata esclusa poiché la compagnia avrebbe dovuto pagare i diritti d’immagine all’attrice Amy Adams, doppiatrice e interprete originale del personaggio.
Dal gennaio 2016 il colosso dei giocattoliHasbro ha acquisito i diritti per la produzione e la commercializzazione dei prodotti Disney Princess strappandoli alla rivale Mattel, che li deteneva fin dal 1996.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *