I “10 passi Unicef OMS per l’allattamento al seno” sono un decalogo di misure, messo a disposizione delle strutture sanitarie che vogliono intraprendere la strada verso il riconoscimento Ospedale Amico dei bambini.
Il decalogo prevede la definizione di un protocollo scritto per allattamento al seno, da far conoscere a tutto il personale, indica, come necessario, la preparazione di tutto il personale sanitario che entra in contatto assistenziale con la donna; infatti è indispensabile una comunicazione univoca, affinché vengano trasferiti alla donna e gli strumenti necessari per allattare correttamente.
Il decalogo, prevede l’informazione alle donne in gravidanza sui vantaggi ed i metodi di realizzazione dell’allattamento al seno.
Il decalogo Unicef-OMS per l’allattamento al seno prevede tra i passi consigliati, l’indicazione dimostrare alle madri come allattare, attraverso le varie posizioni e riconoscimento di una poppata valida; inoltre indica dimostrare come mantenere la secrezione lattea anche nei casi in cui neonato venga separato dalla madre.
Secondo questo decalogo, l’inizio del contatto pelle a pelle deve iniziare dopo la nascita in modo da facilitare l’imprinting ed il bonding madre-figlio.
Inoltre, è necessario incoraggiare le madri a riconoscere quando il neonato è pronto alla poppata.
In conclusione:
L’allattamento deve essere un gesto naturale e da effettuare in piena libertà da parte della mamma.
Ogni donna ha il suo modo di allattare e gli operatori addetti devono solo favorire la naturalezza del gesto.
Potrebbe interessarti:
ALLATTAMENTO AL SENO
ALIMENTAZIONE E ALLATTAMENTO:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *