ESERCIZIO FISICO E BENESSERE
Sfatiamo i luoghi comuni più diffusi sull’esercizio fisico:
• L’esercizio fisico annulla le “abbuffate”.
Non c’è niente di più sbagliato, in quanto l’alimentazione influisce per l’80% per cento sulla linea e sull’aspetto.
• Prima di eseguire gli esercizi ci vuole un pò di stretching.
Falso. È preferibile eseguirlo dopo l’allenamento, perchè lo streching rilassa e allunga muscoli e tendini, ed è più facile infortunarsi se dopo averlo effettuato cominciamo con il nostro allenamento.
• Le donne hanno bisogno di esercizi diversi rispetto agli uomini.
Entrambi i sessi hanno la stessa struttura fisica, la fondamentale differenza sta nella presenza di ormoni (testosterone) che determinano una forza diversa nei muscoli, ma ció non vuol dire che gli esercizi debbano essere differenziati. Spesso capita che le donne si concentrano più sulle gambe e sui glutei e gli uomini sulle spalle e sulle braccia, dimenticandosi delle altre parti del corpo.
• Bevande proteiche aiutano a perdere peso.
Esse sono ricche di zuccheri, coloranti, proteine e vitamine a buon mercato e totalmente prive di fibre. Non danno senso di sazietà e non attivano la digestione, processo che consuma calorie, dunque sono piuttosto inutili.
• Le donne devono eseguire più ripetizioni con pesi più leggeri.
La donna generalmente possiede per natura meno testosterone dell’uomo, quindi al contrario di quel che si pensa, senza un aiuto chimico una donna difficilmente potrà riuscire ad ingrandire notevolmente i muscoli. Sono preferibili ripetizioni con pesi più pesanti rispetto a quelli sollevati senza sforzo.
• Sedute estenuanti di allenamento cardio.
Meglio allenarsi alternando esercizi ad alta e bassa intensità. È il miglior modo per bruciare grassi. Importante è mantenere la frequenza cardiaca tra il 60 e il 70 % per cento della vostra Max HR (frequenza cardiaca massima).
• A stomaco vuoto si bruciano più grassi.
Soprattutto se non si è soggetti ben allenati, a stomaco vuoto si brucia soprattutto massa muscolare, per non parlare delle scarse performance che si raggiungono in assenza di cibo, essendo quest’ultimo un vero e proprio carburante. Se si decide di praticare sport a digiuno, è consigliato, non superare la soglia di 30-40 minuti di allenamento per non favorire il catabolismo muscolare. In conclusione preferite a digiuno un allenamento breve ed intenso, ma non dimenticate che di vitale importanza, è bere acqua prima durante e dopo l’allenamento.
• Si puó eliminare tessuto adiposo in una precisa parte del corpo.
La perdita di grasso è generalizzata, non si puó concentrarla in una precisa parte del corpo. Il miglior modo per accelerare il processo di dimagrimento è alternare esercizi a bassa e alta intensità associati a una dieta sana ed equilibrata.
• Meglio mangiare solo l’albume dell’uovo e scartare il tuorlo.
A meno che non lo si mangi fritto o con il burro e pancetta, il tuorlo aiuta a ridurre il colesterolo cattivo e contiene minerali e vitamine utili per l’esercizio fisico.
• Allenarsi tutti i giorni.
Allenarsi troppo provoca in molti casi perdita di tono muscolare. Ignorare ostinatamente i segnali del sovrallenamento ha una sola conseguenza: rendere controproducente l’allenamento. È importante ascoltare il proprio corpo, ai primi sintomi di inappetenza, dolori articolari e sensazione di stanchezza generale è importante prendersi qualche giorno di recupero.
Dott. in “Scienze motorie e del Benessere” Pirozzi Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *