Che differenza c’è tra le parole “polipo e polpo”?

Si parla di due organismi completamente differenti. Vediamo il perché:

Il Polpo (chiamato anche “Piovra” quando si tratta di esemplari particolarmente grandi) è un Mollusco Cefalopode appartenente all’ordine Octopoda (“otto piedi”), un simpatico ed intelligente invertebrato con due grossi occhi, una bocca rigida e 8 braccia dotate di una o più file di ventose. Braccia e non tentacoli in quanto, da un punto di vista zoologico, c’è una sostanziale differenza.

Le braccia hanno funzione prensile e deambulatoria e sono dotate di file di ventose su tutta la loro lunghezza. Nei maschi un particolare braccio, detto ectocotile, può essere implicato nella copula, essendo utilizzato per depositare la spermatofora nelle vicinanze degli organi riproduttivi femminili.

I tentacoli sono in genere più lunghi della braccia, hanno funzione sia tattilo-sensoriale che prensile, e sono dotati di ventose solo alla loro estremità terminale, che può essere più o meno allargata. Possono essere estesi fino a due volte la lunghezza complessiva dell’animale, venendo poi ritratti in apposite tasche.

Il Polpo è quindi privo di tentacoli, mentre Seppie e Calamari sono dotati di 8 braccia e 2 tentacoli e rientrano nel superordine dei Decapodiformes (appunto dotati di “dieci piedi”).

Chi è il polipo?

Sono definiti polipi tutte quelle forme in cui si presentano gli Cnidari (anemoni, attinie, coralli, madrepore…) sia durante temporanei stadi del loro ciclo vitale in alcune specie (appunto “forma polipoide”), sia da adulti in altri taxa; per rendervi la cosa più comprensibile: la celebre casa di Nemo, “Anemone, è un polipo.

I polipi possono essere solitari come le attinie o coloniali come i coralli e sono quasi sempre sessili, ovvero ancorati al substrato tramite il loro piede, tranne nei casi delle planctoniche colonie galleggianti di alcuni Idrozoi come la piccola e indaco Velella velella (“Barchetta di San Pietro”) o la più grossa e talvolta letale Physalia physalis (“Caravella portoghese”).

Come molti Cefalopodi, anche i polipi degli Cnidari sono dotati di tentacoli: lisci o pennati a seconda del taxon, circondano la cavità orale e hanno funzione prensile e predatoria.

Morfologicamente simili ai polipi degli Cnidari sono i polipidi dei Briozoi.

Siete ancora sicuri ad andare in pescheria e di voler comprare un polipo? E non polpo?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *