Una notte da incubo per una coppia piemontese dopo la fiction su Rosy Abate e la mafia. Nella puntata di domenica sera veniva diffuso un numero di cellulare, che corrisponde a quello di un signore di Domodossola: «Tempestati di chiamate, ci hanno dato dei mafiosi». Domenica sera è andata in onda in prima serata la serie televisiva su Canale 5 «Rosy Abate», la storia di una donna di mafia che prova a rifarsi una vita lontano dalla Sicilia. Da quel momento, una coppia di Domodossola si è ritrovata d’improvviso catapultata in un incubo, tra telefonate anonime e minacce di morte nel cuore della notte. Ma cosa c’entra una saga familiare legata a Cosa Nostra, scritta per fare successo in tv, con la vita tranquilla di due trentenni che del personaggio della «Regina di Palermo» non ne sanno nulla, anzi nemmeno hanno guardato la puntata? Nulla infatti, se non che nell’episodio trasmesso si vedeva una scena in cui un criminale lasciava un bigliettino alla protagonista, con su scritto un numero di telefono tutt’altro che inventato. «Quel numero esiste ed è di mio marito – spiega la signora di Domodossola -. Da ieri sera persone sconosciute ci stanno tempestando di telefonate, per chiederci se siamo parenti di Rosy Abate, qualcuno ci dà dei mafiosi e c’è chi ci ha perfino minacciato».

LA REALTA’ SUPERA LA FANTASIA E racconta di aver parlato con la gente più assurda: «Come puoi pensare che un numero dato in tv in una fiction corrisponda a qualcuno di reale, e pensare di chiamare davvero quel qualcuno, per insultarlo e dirgli che è un mafioso?», dice la signora. «Abbiamo avuto paura – aggiunge -. Chissà mai che qualche squilibrato, scoprendo dal numero la nostra residenza, non pensi di presentarsi sotto casa». Un telespettatore dalla Basilicata che evidentemente si era immedesimato troppo nella fiction e credeva che al numero potesse rispondere la Michelini: «Rosy Abate non fai paura a nessuno, vengo lì e ti ammazzo». La signora, incinta di 8 mesi, si è agitata: «Non ho chiuso occhio». Trenta e trentotto anni, i due coniugi di Domodossola ora stanno pensando di denunciare tutto ai carabinieri. «Aspetto che mio marito torni dalla Svizzera e andiamo dalle forze dell’ordine. Non è possibile che una produzione tv non controlli se i numeri sono veri. La nostra privacy è stata violata. Mio marito è siciliano di origine, ma noi con la mafia non c’entriamo niente, siamo mica matti». Tra coloro che hanno contattato la coppia c’era anche chi domandava raccomandazioni per un lavoro nel mondo della tv: «Mio marito è carpentiere e io sono disoccupata. Casomai trovassi un lavoro, me lo terrei». Lo sgradevole incidente è tanto più fastidioso perché il signore di Domodossola possiede da 13 anni il numero diffuso in tv. È quello che hanno tutti i suoi contatti, parenti, amici e colleghi di lavoro. Insomma, un bel problema cambiarlo solo perché la fiction ha deciso di impossessarsi, a sua insaputa e per errore, della vita vera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *