CONDIVIDI

Qualche anno fa, Gennaro un bambino a cui facevo doposcuola, mi chiese un fatto importante, importantissimo. Mi disse “Mary ma secondo te se dico a Luisa che gli voglio bene, pare brutto? Gli devo dire ti amo?”
E inevitabilmente mi venne in mente mio nonno, che quando la nonna era arrabbiata con lui, lui le canticchiava sempre la stressa strofa “t vogl bene assai, ma proprio tant ben assai”. 
A Napoli tra le tante cose fantastiche, abbiamo una lingua tutta nostra che il resto del mondo non può capire. Una scrittrice che adoro, dice che a Napoli per dire ti amo a una persona, le dici: “Te vogj bene”. Che non è: “Ti voglio bene”. In italiano non vale, non ha lo stesso senso, non ha lo stesso peso di carne e di cuore. È proprio: “Te vogj bene”. 
É come dire io ti vedo, ti guardo e ti vedo esattamente come sei, accussì, senza scuse, senza imbrogli. Ti vedo e, nonostante questo, te vogj bene. Ti vedo e non mi fai paura. Oppure me ne fai, ma te vogj bene o stess. 
Ti vedo e voglio bene a te e alla tua vita. 
Te vogj bene con la testa e con il petto. 
Te vogj bene anticamente, fort fort, assaje. Te vogj bene assaje, come dice la canzone. 
Te vogj bene, che a Napoli è dirti che ti amo ma è dirtelo due volte. È più forte, è più sfacciato, è prepotente. Senti come suona: te vogj bene. Te vogj bene comm s vò ben o’ mare: imprescindibilmente. 
Te vogj bene. E te l’aggia fa capì. 
E niente alla fine Gennaro fece un disegno a Luisa e le scrisse : “te vogj bene assai” e in quel momento sentii la voce di nonno che canticchiava per nonna. 


“L’amore a Napoli è un’altra storia, nun s po capì”a cura di Maria Prisco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here