CONDIVIDI

Paolino morì a 76 anni, il 22 giugno del 431, un anno dopo l’amico Agostino. Il suo corpo, inizialmente sepolto a Cimitile, accanto alla tomba di San Felice prete, al tempo dei Longobardi, tra IX e X secolo, fu trafugato e portato a Benevento; intorno all’anno 1000 l’imperatore Ottone III chiese ai Beneventani il corpo di San Bartolomeo, ma questi, non volendo privarsi di un tesoro così prezioso, gli consegnarono in luogo di quello il corpo di San Paolino, che in questo modo giunse a Roma. Qui fu posto nella Chiesa di Sant’Adalberto di Praga, divenuta poi Basilica di San Bartolomeo, sull’Isola Tiberina. Fece finalmente ritorno a Nola solo il 15 maggio del 1909, grazie alla tenacia del vescovo Mons. Agnello Renzullo, che ne perorò e ottenne la restituzione dal papa Pio X. Riposa nel Duomo nella Cappella dedicata al Santo. Le ricorrenze liturgiche in onore del Santo sono due: 15 maggio: Festa della Traslazione del corpo; 22 giugno: Solennità di San Paolino.

In occasione della Traslazione delle ossa di San Paolino a Nola la Compagnia di San Paolino, unitamente ai maestri di festa, invitano alla tradizionale processione con le #bandiere delle#corporazioni. 
La partenza sarà dalla statua del Santo in Via Ottaviano Augusto alle ore 18. La processione si snoderà per via San Paolino, piazza Collegio, corso Tommaso Vitale per arrivare in Duomo alle 18.45 dove sarà celebrata la messa solenne alle ore 19.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here