Mettere le “corna” in casa alla moglie, è reato!
La Corte di Cassazione, chiamata di recente a pronunciarsi sulla vicenda di una donna costretta a tollerare i rapporti intimi del marito con l’amante nella casa coniug8ale, ha stabilito con sentenza n. 16543/2017 che tale condotta integra il reato di maltrattamenti ex art. 572 c.p.
La norma punisce “Chiunque, maltratta una persona della famiglia o comunque convivente, o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, o per l’esercizio di una professione o di un’arte è punito con la reclusione da due a sei anni. Se dal fatto deriva una lesione personale grave, si applica la reclusione da quattro a nove anni, se ne deriva una lesione gravissima, la reclusione da sette a quindici anni; se ne deriva la morte, la reclusione da dodici a ventiquattro anni”.
Nel caso di specie, la Suprema Corte ha ritenuto infondata la doglianza dell’uomo, il quale, nel tentativo di sminuire il proprio comportamento, ha sostenuto la esclusione della configurabilità del reato di maltrattamenti, per avere semplicemente “intrattenuto una relazione extraconiugale” e non, dunque, la serie di atti vessatori richiesti dalla fattispecie incriminatrice.
Il reato di maltrattamenti, “integra una ipotesi di reato necessariamente abituale che si caratterizza per la sussistenza di una serie di fatti, per lo più commissivi, ma anche omissivi, i quali isolatamente considerati potrebbero anche essere non punibili (atti di infedeltà, di umiliazione generica, etc.) ovvero non perseguibili (percosse o minacce lievi, procedibili solo a querela), idonei a cagionare nella vittima durevoli sofferenze fisiche e morali”.
Insomma, per i Giudici di Piazza Cavour, il Giudice d’Appello ha, infatti, ben valutato la credibilità delle dichiarazioni rese dalla persona offesa “constatando come la condotta di violenza e di sopraffazione che l’imputato ha inflitto a sua moglie, consistente nell’intrattenere rapporti sessuali con l’amante all’interno della casa coniugale imponendo alla moglie l’accettazione di tale stato di fatto con gravi minacce, abbia trovato riscontro anche nella relazione di servizio e nel chiaro contenuto delle conversazioni telefoniche intercorse tra l’imputato e la persona offesa”.
Dunque, nessuna difesa per l’uomo.
° a cura di avv. Luciana Ruggiero °

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *