Oggi parleremo del pesce azzurro, questo termine non ha origini scientifiche ma, più commerciali.
Il pesce azzurro e’ facilmente trovabile nel mar Mediterraneo, ha un dorso nei riflessi del colore blu scuro, con striature verdi argentate ed un ventre di colore argenteo ma, soprattutto ha un buon rapporto qualità/prezzo.

Sono pesci ricchi di Omega 3 e di grassi insaturi, che fanno bene allo sviluppo; le loro carni sono grasse e piene di olii, facilmente digeribili. Sono soggetti all’Anisachis, conosciuto come il parassita del pesce azzurro: si tratta di un verme che si annida nello stomaco del pesce azzurro, che può trasmettersi ingerendo i pesci azzurri crudi. I pesci azzurri a maggior rischio anisachis sono il tonno, le sardine, le acciughe, il merluzzo, il pesce sciabola, lo sgombro e la lampuga. Per evitare il rischio anisachis, è sufficiente non mangiare il pesce azzurro crudo: ma se si volesse fare una tartare di pesce azzurro (perfetto è lo sgombro!), basterà acquistarlo freschissimo e abbattuto a -25°C per almeno 24 ore.

Pesce azzurro è una grande famiglia, tra i numerosi pesci che fanno parte di questa classificazione troviamo:
Sardina, con carne tenera e gustosa e un profumo delicato.
Palamita, simili allo sgombro, ma dal corpo più allungato e con un sapore forte e deciso.
Aringa, ottima da mangiare cruda, previ accorgimento per debellare l’anisachis
Alice o acciuga, più sottile e affusolata della sardina: ottime fresche e fritte, o conservate sotto sale o sott’olio.
Sgombro, pesce azzurro dalla carne scura e sapore deciso, è spesso oggetto di conservazione.
Aguglia, con un’elevato contenuto di acidi grassi essenziali (Omega3)
Spratto o papalina, simile alla sardina ma più panciuto e dal colore più chiaro
Pesce sciabola o spatola, conosciuto come pesce bandiera
Alaccia, Lanzardo, Costardella, Suro

Accanto alle varietà più comunemente associate al pesce azzurro, ce ne sono altre che molti non avrebbero mai inserito all’elenco del pesce azzurro. Eccole:

Pesce spada
Tonno
Salmone, che non ne fa parte ufficialmente ma, viene spesso ricompreso nell’elenco perché ricco di omega3.
Alletterato
Palombo
Lampuga

Martina Bosso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *