CONDIVIDI
SERVIZI ON-LINE LAVORO E PROFESSIONALITÀ
SE VUOI PUOI
Il problema, che ha coinvolto l’Europa tutta, della crisi economica e che vede anche
l’Italia particolarmente coinvolta, è un problema soprattutto per le generazioni “in
età da lavoro”.
Mentre fino a qualche decennio fa, bisognava solo scegliere un tipo di studi,
concluderlo e iniziare sin da subito a lavorare, oggi non è più così facile portare
avanti un progetto di vita e lavorativo.
Il problema si pone, a differenza di quello che si possa pensare, soprattutto per
coloro che dopo le scuole medie superiori, decidono di specializzarsi ulteriormente,
scegliendo un percorso universitario/accademico. Il sol fatto di scegliere di
proseguire gli studi, dovrebbe essere una sorta di garanzia che in un futuro vicino o
lontano che sia, si possa realizzare quella realtà lavorativa auspicata. Non è così.
La maggior parte delle persone che concludono i corsi di studio universitari, si
ritrovano a lottare con una infinità di concorsi, la maggior parte delle volte, indetti
ogni 4/5 anni; con tirocini, non retribuiti e dispendiosi, che per come organizzati,
pongono di fronte alla scelta di abbandonare qualsiasi altro tipo di percorso
alternativo, magari lavorativo o di ulteriore specializzazione, in favore di essi, che
non riescono comunque ad assicurare un futuro; stage, ossia “libera schiavitù”,
lavori non retribuiti, ma che secondo chi li offre dovrebbero dare visibilità e aiutare il
curriculum vitae a crescere. Chi può sceglie di seguire queste strade, rese ancora
più ardue dalla totale mancanza di organizzazione burocratica, altri invece,
decidono di rimboccarsi le maniche e di tornare alle origini, reinventandosi antichi
lavori, reinventando se stessi e dando nuova forma alle cose.
Nel corso di questa rubrica, si parlerà proprio di loro e di come hanno deciso di
dare spazio alla propria vita e alla propria creatività. Si cercherà inoltre di fare un
po’ di chiarezza sui concorsi pubblici, sulle modalità di svolgimento di questi e, di
fornire, un elenco di tutti quelli indetti a livello regionale e nazionale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here