Giugno 13, 2024

Loading

I boschi verticali ‘alla Boeri’ sono sempre più richiesti nel mondo, che siano essi ispirati al modello originali o adattamenti fedeli firmati dallo studio dell’architetto milanese. È di questi giorni la notizia che i progetti La Forêt Blanche e Balcon sur Paris hanno vinto il concorso Marne Europe – Villiers sur Marne.
La Foret Blanche è uno degli edifici parte del maxi intervento rappresentato da Balcon sur Paris, progetto che si inserisce all’interno della più ampia cornice di “Inventons la Métropole du Grand Paris”, uno dei più grandi concorsi per lo sviluppo urbano promossi nell’area metropolitana parigina, che ha visto coinvolti 51 siti totali e grandi nomi dell’architettura.
In linea con i pionieristici esemplari milanesi, anche le facciate della Forêt Blanche saranno ricoperte da 2000 tra alberi, arbusti e piante, con una superficie verde equivalente ad un ettaro di foresta, 10 volte la superficie del lotto su cui sorge l’edificio.
La Forêt Blanche ospiterà appartamenti residenziali nei piani alti, uffici e servizi commerciali nella parte inferiore, con un mix di terrazze e balconi sui quattro lati della torre. L’orientamento ad est e a ovest consentirà il passaggio della luce solare tutto il giorno, dotando gli appartamenti di illuminazione e ventilazione naturale e di un eccezionale panorama sul paesaggio del centro di Parigi .
Per Balcon sur Paris lo studio di Stefano Boeri ha presentato anche il progetto per La Cour Verte, un edificio a corte con un tetto che arriva fino a toccare il suolo e, al centro, un giardino pensile con un manto di 600 m2 piantati a graminacee, che si inserisce nel contesto innovativo e sostenibile del progetto, favorendo lo sviluppo della biodiversità.

Please follow and like us:

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *