Febbraio 27, 2024

Loading

CONOSCERE LE DIFFERENZE: IMPOSTE, TASSE E CONTRIBUTI.
Secondo il nostro diritto tributario, in base allo scopo per cui vengono applicati, i tributi (prelievi obbligatori di ricchezza) sono classificati in tre tipologie: imposte, tasse e contributi.

– IMPOSTE

L’imposta serve a coprire le spese per i servizi pubblici erogati dallo Stato a tutti noi in senso collettivo, senza che qualcuno abbia fatto una specifica richiesta.
Paghiamo le imposte per consentire l’erogazione dei servizi pubblici generali (sanità, ordine pubblico, prevenzione dalle calamità) a tutta la collettività, anche se uno di noi potrebbe non beneficiarne direttamente.
L’imposta viene pagata non perché abbiamo usufruito di un servizio pubblico, ma in quanto siamo obbligati a contribuire al pagamento della spesa pubblica. L’articolo 53 della Costituzione infatti stabilisce che: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva”.
In definitiva, il pagamento delle imposte non è legato al beneficio che otteniamo dai servizi pubblici, ma alla nostra capacità contributiva.

– TASSE
La tassa è un tributo imposto per coprire le spese di un servizio specifico che abbiamo richiesto alla Pubblica amministrazione.
La tassa è quindi la controprestazione per un servizio ricevuto a seguito di una nostra precisa richiesta, quale per esempio l’iscrizione a un corso scolastico o universitario.
Il corrispettivo pagato è commisurato al servizio ricevuto: chi paga il tributo è chi ottiene il servizio.

– CONTRIBUTI
I contributi dobbiamo pagarli quando otteniamo una particolare utilità dallo svolgimento di opere, o dall’erogazione di servizi pubblici, destinati al soddisfacimento dei bisogni di tutta la collettività.
Il contributo ha come presupposto l’arricchimento che noi otteniamo dall’esecuzione di un’opera destinata alla collettività.

Please follow and like us:

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *