Luglio 16, 2024

Loading

L’assegno è uno degli strumenti di pagamento più diffusi. È un titolo di credito con cui un soggetto (traente o emittente) ordina di pagare alla propria banca (trattario) una determinata somma al beneficiario indicato.
In pratica, all’apertura del conto corrente o comunque anche successivamente, si richiede il rilascio del carnet di assegni (cosiddetto blocchetto degli assegni!), generalmente composto da dieci assegni.
Chi dispone di un carnet di assegni può utilizzare gli stessi per effettuare pagamenti non in contanti, ovviamente nei limiti della disponibilità di denaro sul conto corrente.
Nel caso in cui viene emesso un assegno per un importo superiore alla disponibilità di conto questo non verrà pagato e si andrà incontro a gravi sanzioni per aver emesso un assegno senza copertura, detto anche “a vuoto’.

Chi riceve un assegno bancario lo presenterà all’incasso entro:
8 giorni dalla data di emissione se l’assegno è su piazza, cioè è riscosso nello stesso Comune in cui il traente lo ha emesso;
– 15 giorni dall’emissione se è fuori piazza, cioè è riscosso in un Comune diverso da quello in cui è stato emesso.

Please follow and like us:

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *