Oggi parliamo del branzino, meglio ancora popolarmente chiamato spigola.
Appartiene al genere Dicentrarchus labrax, è un pesce che vive in acque costiere poco profonde,circa fino a 100 metri di profondità. Vive in piccoli branchi durante il periodo giovanile, mentre da adulto è solitario. È una specie molto resistente, tollera variazioni di temperatura (specie euriterma) e di salinità (specie eurialina), una caratteristica è quella che i nativi migrano (montata) dal mare in acque salmastre (bassa salinità) o dolci. I maschi raggiungono la maturità sessuale a due anni, mentre le femmine a tre anni. La riproduzione avviene in Mediterraneo in autunno-inverno, quando gli adulti si raggruppano in gruppi numerosi. Le uova sono fecondate da più maschi, sono galleggianti e sferiche (diametro di 1.15-1.16 mm). La larva, alla schiusa, è lunga circa 4 mm. La Spigola è una predatrice, che si nutre in particolare di piccoli pesci e crostacei.
È presente lungo le nostre coste, nel Mediterraneo, Mar Nero ed in Atlantico orientale, dalla Norvegia al Senegal.
Nel Mediterraneo è presente una specie simile, che appartiene allo stesso genere, la spigola puntata (D. punctatus). I caratteri che permettono di distinguere facilmente le due specie sono le macchie sul corpo, la forma del vomere ed il numero di squame sulla linea laterale. La Spigola non ha, allo stato adulto, macchie nere sul dorso e sui fianchi, presenti al contrario nella Spigola puntata. Il vomere forma una sorta di mezzaluna e non di ancora, come in D. punctatus. Infine, le squame nella Spigola puntata sono 60-65 e non 70-72 come in D. labrax.

La Spigola è oggetto di allevamento (estensivo ed intensivo) in tutto il mondo.
Nel prossimo post tratteremo del suo allevamento.

Martina Bosso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *