È quasi giunta al termine una delle feste folkloristiche più belle della Campania.

Prende il nome di “Piena”, o meglio “a` chiena”, dal fiume Tenza che straripa in questo periodo, inondando tutto il centro del paese grazie aad una deviazione artificiale.

 

Siamo a Campagna, in provincia di Salerno. Le origini della Chiena sono molto antiche. Il corso principale del paese, durante questo periodo, veniva fatto inondare per “purificarlo” dalla peste (malattia allora molto siffusa) o semplicemente per ripulire le strade durante i periodi di siccità.

È un vero e proprio evento, e tutti gli anni Campagna accoglie migliaia di turisti, curiosi di assistere alla scena. Il programma prevede, inoltre, la famosa “secchiata“. Tutte le domeniche pomeriggio, infatti, i cittadini, rigorosamente muniti di secchio ed infradito, si divertono a “scambiarsi secchiate d`acqua” per rinfrescarsi dalla calura estiva.

Il 16 e 17 agosto, infine, si terrà la famosa “Chiena di mezzanotte“. Ci sarà l`ultima inondazione del paese, in uno scenario davvero molto suggestivo, accompagnato da spettacoli che segneranno la fine di questa fantastica festa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *