Il mandarino Cinese o Kumquat o Fortunella è un agrume coltivato in vaso e in giardino come pianta da frutto e soprattutto come pianta ornamentale grazie ai suoi frutti aranciati che spiccano nel colore verde delle foglie.
Si tratta di un agrume, Citrus nobilis, della famiglia delle Rutaceae, originario della Cina ed è stato introdotto in Europa nel 1846 da Robert Fortune, collezionista della London Horticultural Society.
Come i loro cugini agrumi, arance, limoni o mandarini, i frutti del kumquat sono ricchi di potassio, vitamina C e A, acido folico e minerali come potassio, magnesio e calcio. Ottime proprietà digestive, se consumati a fine pasto.
La consistenza sottile e il gusto delicato, ma aromatico e dolce, della buccia consente di mangiare questi mandarini, così come sono, interi, senza doverli sbucciare.

In cucina i mandarini cinesi vengono impiegati per la preparazione di marmellate, canditi e macedonie, persino per produrre succhi di frutta. Ottimi anche per la preparazione di liquori, dopo una macerazione nella vodka o nell’alcool. Nelle Filippine si usa aggiungere i mandarini al tè, sia caldo che freddo.
Se avete intenzione di coltivare tale pianta ecco alcuni consigli per voi:
Questa pianta predilige i luoghi luminosi e soleggiati. Non teme il freddo ma, è bene proteggerlo dai venti e dal gelo invernale con tessuto traspirante.

Se allevato in casa va tenuto lontano da fonti di calore.
Ama i terreni sciolti, di medio impasto, fertili e ben drenati. La si deve annaffiare regolarmente e in modo costante almeno una volta a settimana durante i periodi di prolungata siccità per garantire  una buona fruttificazione e la regolare maturazione dei frutti. Nel periodo inverno-primavera la pianta allevata in piena terra si accontenta delle acque piovane.

Un saluto dal vostro portale
Dori Stella

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *