LHorseshoe Bend è un meandro del fiume Colorado, è situato a pochi chilometri da Page (Arizona) a circa 8 km a valle della diga di Glen Canyon e del lago Powell. L’Horseshoe bend è profondo circa 300 metri, a forma di U ed è possibile ammirarlo dall’alto dei ripidi pendii dopo una breve camminata su un sentiero che parte dalla U.S. Route 89. Vista la sua peculiare forma, prende il nome dal ferro di cavallo (horseshoe).Quando vi troverete in una delle numerose agenzie turistiche specializzate nella prenotazione di una visita guidata verso Antelope Canyon, vi potrebbe capitare di vedere una foto particolarmente affascinante, che raffigura questo particolare meandro del fiume Colorado, che si offre come un panorama da sogno cinematografico. Chiederete allora se si tratta di una tappa dell’itinerario e vi risponderanno che no, l’Horseshoe Bend è nella direzione opposta, lasciandovi con un palmo di naso.Proprio perché viene inspiegabilmente ritenuto indegno di attenzione da alcune guide turistiche, potreste trovare qualche difficoltà a raggiungerlo: dunque, vi sarà utile consultare questa breve guida su come arrivare all’Horseshoe Bend.

Da Monument Valley all’Horseshoe Bend

Se per esempio state tornando dalla visita della Monument Valley, passerete certamente da Page: dovrete dirigervi verso sud, sulla Highway 89 e, avendo il fiume Colorado che corre alla vostra destra, vi lascerete alle spalle il bivio che vi porterebbe sulla Highway 98.  Quando arriverete circa tra il miglio 544 e il 545, noterete sulla destra una strada dissestata: imboccatela e vedrete subito il parcheggio. Non temete, in corrispondenza della deviazione ci sono delle indicazioni.

Da Las Vegas all’Horseshoe Bend

Ovviamente, se la vostra tappa precedente era invece più a ovest (ad esempio Las Vegas, o il Bryce Canyon), sarete già sulla Highway 89: quando avrete superato la grandiosa diga chiamata Glen Canyon Dam, saprete che lì ricomincia il corso del Colorado, che seguirete fedelmente. Non dovrete entrare a Page: vi basterà rimanere sulla strada fino all’incrocio con lo sterrato.Quando avrete parcheggiato la macchina, capirete in breve tempo che lo spettacolo dell’Horseshoe Bend dovrete sudarvelo un po’: sì, perché dal parcheggio si snoda un sentiero che dovrete obbligatoriamente percorrere fino allo strapiombo dove . Dopo un centinaio di metri di salita dolce, vi troverete in una zona pianeggiante dotata di una piccola area di sosta, dove potrete prendere fiato e leggere i pannelli che vi racconteranno la storia geologica dell’Horseshoe Bend e vi indicheranno sinteticamente cosa visitare.Da questo piano riprende la seconda parte del sentiero, tutta in discesa: la fatica è solo rimandata, ma almeno il vostro ritorno –  in salita e col sole che vi schiaccia le tempie, motivo per cui è bene privilegiare le ore meno calde per la vostra visita –  sarà allietato dalla bellezza del panorama di cui godrete! Questa meraviglia geologica appare, agli occhi di chi guarda, come un’ansa a forma di “ferro di cavallo”, scavata dal fiume Colorado.Voi la vedrete dall’alto, e sentirete correre sulla schiena un brivido: deciderete voi se attribuirlo alla sindrome di Stendhal o all’altezza vertiginosa del punto panoramico, totalmente sprovvisto di protezioni (attenti a dove mettete i piedi, quando scattate le vostre fotografie!).  Un ultimo consiglio per visitare l’Horseshoe Bend e godervelo al mattino presto,uno spettacolo.

.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *