Quante volte ci siamo domandati di cosa è composta l’acqua di mare? Lo sapevate che comprende anche dei crostacei che sono alla base della nostra catena alimentare?
La seguente foto é una goccia di Mediterraneo che racchiude: cladoceri, copepodi e al centro una Zoea, fatto un ingrandimento circa 100x con microscopio Zeiss Axioskop condensatore per il campo scuro e fotocamera Sony Alpha7R2.

I copepodi sono dei piccoli crostacei, essi non posseggono carapace per protegge il corpo, ma uno scudo cefalico. Vivono in tutti i mari ad ogni profondità e in tutti i tipi di sedimenti, dagli argillosi a quelli sabbiosi. La profondità alla quale si rinvengono le forme marine e’ in relazione, oltre che al tipo di specie, a vari altri fattori ed in particolare alla temperatura dell’acqua, al sesso, alla stagione, l’ora, l’ammontare di luce e a particolari condizioni fisiologiche. Si è scoperto che i copepodi effettuano delle migrazioni verticali in relazione a vari fattori: luce, temperatura, sesso.

Effettuano migrazioni giornaliere, migrano in superficie nelle ultime ore del giorno, alla ricerca degli “ultimi raggi di luce” e di maggiori disponibilità trofiche; al contrario, alle prime luci dell’alba essi si spostano verso il fondo. Questo fenomeno viene spiegato in base a due categorie:

  • Dispendio di energia
  • Fuga dal predatore

La prima è dovuta dal fatto che le masse d’acqua superficiali sono caratterizzate da correnti molto intense di conseguenza i copepodi migrerebbero verso il fondo proprio per non essere trasportati molto lontano, in aree probabilmente sfavorevoli.

La seconda serve a ridurre il rischio di predazione da parte di quegli organismi che cacciano a vista.

Oltre alle migrazioni giornaliere i copepodi possono andare incontro anche a migrazioni stagionali, per lo piu’ legate al loro ciclo riproduttivo; importanza per l’economia umana in quanto possono condizionare gli spostamenti e le migrazioni dei pesci.

Possiamo trovare i copepodi anche in altri ambienti come: acqua dolce, nella terra di casa propria vanno ad alimentarsi del materiale vegetale in decomposizione.

Sono i primi organismi pluricellulari che si avvalgono della immensa quantità di fitoplancton disponibile in mare, per questo hanno una funzione ecologica importante: una gran parte di essi si nutre delle minuscole alghe unicellulari che si moltiplicano nell’acqua libera, ma anche sui fondali marini.

Martina Bosso

foto di Mimmo Roscigno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *