A primo d’occhio risalta all’occhio la lattina, ma osservando più attentamente la fotografia possiamo notare un corpo gelatinoso che si muove.

Nudibranchio che ci fai lì? Cerchi anche tu un luogo fresco per combattere il caldo? Effettivamente l’acqua salata non aiuta, meglio una bevanda fresca e dissetante

I Nudibranchi sono molluschi privi di conchiglia (presente solo durante la fase larvale) sono delle vere e proprie lumache di mare dai colori più sgargianti.

I Nudibranchi sono tutti ermafroditi completi simultanei e portano le due aperture genitali sul lato destro del corpo, che permettono la fecondazione incrociata, contemporanea o successiva. Le uova sono appariscenti e aderiscono alla preda di cui si nutrono abitualmente. Le capsule ovigere e il cordone ovarico è tipico di ogni sottordine di Nudibranchi, ed è mediamente costituito da 5-20 uova. Lo sviluppo larvale può essere diretto, ma è molto raro, oppure lecitotrofico, quando la larva si nutre all’interno dell’uovo del proprio tuorlo, o infine planctotrofico, quando la larva, liberamente natante, si nutre di plancton. In genere le specie tropicali, ove vi è stabilità trofica e climatica, le larve sono lecitotrofiche, mentre nelle regioni boreali le larve sono prevalentemente planctontrifiche. E’ abbastanza facile vedere dei Nudibranchi intenti ad accoppiarsi, affiancati l’uno all’altro.

Il loro movimento è molto lento, strisciante, il nuoto è assente o saltuariamente, che viene prodotto dai movimenti delle varie forme di appendici. Gli sgargianti colori e le strane forme delle diverse specie di Nudibranchi sono una diretta conseguenza di favorire nella mimetizzazione infatti, gli accesi pigmenti delle loro membrane possono tenere alla larga i predatori o, al contrario, attirano le loro prede (spugne di mare, piccole meduse).

Per individuare la preda, hanno due tentacoli sensibili, chiamati rinofori, situati alla sommità del capo. La loro colorazione deriva dal cibo di cui si nutrono, alcuni conservano persino lo sgradevolissimo veleno della preda e, quando sono in pericolo, lo secernono per difendersi dai predatori. I nudibranchi sono ermafroditi, e possono accoppiarsi con qualsiasi altro membro maturo della loro specie. La durata della loro vita è molto variabile: alcuni vivono meno di un mese mentre altri arrivano a vivere anche un anno.

Foto fatta da Gabriella Luongo, presso Seiano.

Martina Bosso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *